DIGIGRAFIA SPERIMENTALE

“The theme and construction of the book is very unique, especially, 1) the classification of contents, 2) including technic descriptions concretely”.
Shinnoske Sugisaki [july 2009]

 

Opera candidata per la selezione ADI DESIGN INDEX 2010 – settore ricerca, XXII edizione del Premio Compasso d’oro. Il libro fa parte della collezione della Biblioteca ‘Roberto Sambonet’ della sede ADI – Associazione per il Disegno Industriale di Milano.

 

“Le tecnologie digitali hanno modificato a tal punto il nostro orizzonte del reale da coinvolgere sostanzialmente persino quelle arti affiorate, per dirla con Walter Benjamin, proprio nell’epoca della ‘riproducibilità tecnica’ […]. Clemente Francavilla propone in questo volume bilingue una rassegna delle più recenti sperimentazioni tipografiche (significativamente ribattezzate ‘digigrafie’). La qualità elevata del volume sta nel background teorico che arricchisce il dato tecnico – a cominciare dalla preziosa prefazione di Giancarlo Iliprandi – coinvolgendo riflessioni fondamentali sulla cultura ‘alfabetica’ e sulle risonanze a cui essa è oggi sottoposta dai new media”.

da: Il Corriere della Sera, Libri & musica, 13 marzo 2010;

 

Una guida alla manipolazione del testo e del singolo carattere seguendo una precisa metodologia; il carattere tipografico standard viene sottoposto a una destrutturazione digitale in base a quattro differenti modelli analitici riferiti ai classici modelli gestaltici della sintassi dell’immagine: l’orientamento, la direzione, la forma, il colore. Attraverso gli esempi passo passo descritti, sarà possibile interpretare in maniera insolita le potenzialità di un programma di grafica. Il volume è una guida di riferimento e una fonte di ispirazione per designer grafici e artisti digitali, insegnanti e studenti. Illustra punto per punto i passaggi chiave di un diffusissimo software vettoriale, Adobe Illustrator CS, per raggiungere soluzioni tipografiche di forte impatto visivo. Fornisce inoltre le indicazioni metodologiche per impostare consapevolmente la propria di ricerca e sperimentazione grafica.

John Maeda, 2004

«Nel corso degli anni, i miei insegnanti mi hanno criticato per il salto tra i campi di attività e gli interessi (…). Sono riuscito a mantenere la rotta grazie a un pezzo di saggezza trasmessami dal leggendario designer e artista Takenobu Igarashi, che ha spiegato che la vita potrebbe essere vissuta come un’ampia ricerca, a Oriente come a Occidente, per la conoscenza».

Questo sito utilizza cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi